Impianti a norma: la situazione nazionale

Il riscaldamento in Italia

Un recente documento ha reso noto che nel nostro Paese ben 14 milioni di caldaie non è più in linea con le nuove direttive europee in merito all’efficienza energetica delle caldaie domestiche e degli impianti termici; una delel città nominate pe ril grado di insicurezza in fatto di impianti termici è Roma; infatti nelal capitale l’innovazione sta prendendo piede  a rilento; ma ogni cittadino dovrebbe essere informato del fatto che cambiare le vecchie caldaie non solo offre una sicurezza quasi totale, ma produce in grande risparmio in bolletta.

Cambiare conviene

Ma in una recente intervista un esperto di spicco del comparto ha dichiarato: “Le vecchie caldaie non sono più strumenti ammessi per la salvaguardia economica e ambientale del paese e negli altri paesi europei questo cambio generazionale delle caldaie è già avvenuto con successo. In Italia purtroppo si procede a rilento, eppure cosa ha da guadagnarci un cittadino che non sostituisce la sua vecchia caldaia? Forse nulla ma un cambiamento  generazionale in favore delle nuove caldaie a condensazione è una tappa fondamentale per il riammodernamento dell’intero Paese.” In effetti non è proprio cosi, cambiare il proprio impianto porta dei vantaggi ed anche importanti; per prima cosa maggiore sicurezza e poi risparmio personale e grande rispetto per l’ambiente che è un bene comune.

Come fare e cosa fare per adeguarsi alla nuova efficienza energetica

I cittadini devono sapere che le  nuove caldaie a condensazione riducono moltissimo le emissioni di CO2 a favore della salute del Pianeta e dei suoi abitanti ; un esempio di non adeguamento è la Capitale, la quale secondo un’indagine condotta dalla CNA sempre di Roma, è in allarme sicurezza; mancanza dei controlli e delle verifiche a campione molto grave e  degli impianti termici domestici presenti nel territorio di Roma, e questo stato di cose perdura da gennaio 2015. Un problema aggravato dal fatto che il bando per assegnare l’appalto per il controllo degli impianti domestici, non è ancora stato  dato in carico a nessuna ditta; a rischio quindi tantissime famiglie che sono completamente all’oscuro dello stato di sicurezza della propria caldaia. Per ovviare a questa mancanza è utile informarsi e chiedere assistenza ad esempio a www.assistenzacaldaie-aristonroma.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *