Cartomanzia in aumento

Cartomanzia: aumentano sempre di più gli italiani che chiedono un consulto

Sapere cosa ci aspetta, oppure, avere un consiglio su come affrontare una determinata situazione è diventato, per gli italiani, sempre più indispensabile.

I numeri  sulla cartomanzia ci forniscono notizie di un trend in continua crescita ed è proprio Codacons a fornirci questi numeri: nel 2017 13 milioni di persone si sono rivolte alla cartomanzia, con un incremento del 13% rispetto al 2001. Cerchiamo di capire come mai tante persone si rivolgono ai tarocchi.

Il mondo della cartomanzia: cosa è cambiato

Indubbiamente l’avvento di internet ha tecnologizzato anche questo settore. Più facile raggiungere un cartomante, nessuno che ti vede e in un attimo ottieni il tuo responso. L’utilizzatore può farlo quando e dove vuole, senza dover per forza uscire di casa e cercare un luogo dove possono effettuare un consulto con le carte. Gli operatori dell’occulto censiti in Italia, virtuali e fisici, sono oltre 155 mila con una giro che si attesta attorno ai 30 mila consulti giornalieri. Oltre ai consulti online e a quelli che avvengono negli studi fisici, ci sono quelli al telefono che sono, ancora, i più richiesti. Sono presenti 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e questo favorisce le persone che desiderano avere un consulto improvviso. Gli utenti che si rivolgono alla cartomanzia online e a quelle telefonica lo fanno principalmente perché queste formule garantiscono la privacy e nessuno potrà giudicare.

Cartomanzia e psiche

Il problema di “non essere visti” è molto sentito da parte degli utenti del mondo della cartomanzia poiché, spesso, queste persone vengono prese in giro o derise, magari da altri che fanno la stessa cosa, ma di nascosto. Sembra quasi che sia una cosa di cui ci si debba vergognare. In realtà non c’è nulla di male nel cercare una conferma, un sostegno nei momenti difficili, l’importante è affidarsi a persone affidabili e serie  e non a truffaldini. Il rapporto tra cartomanzia e psiche è molto  forte. Tanti sentono la necessità di appoggiarsi a questa arte divinatoria, ma si vergogna di ammetterlo per non essere esposti al pubblico ludibrio. Probabilmente tale comportamento ha radici molto lontane e risale al periodo dell’Inquisizione, in cui le streghe erano mandate al rogo. Ricordiamo che erano considerate streghe anche le persone che, semplicemente, conoscevano le virtù delle erbe.

Il cartomante e gli utenti

Il cartomante ispira molta e diventa come un psicologo a cui raccontare i propri problemi. La figura del cartomante ha più funzioni: serve ad ascoltare gli sfoghi, le problematiche, le paure, i dubbi della gente e cerca di dare delle risposte, grazie all’arte divinatoria dei tarocchi. Anche in questo settore ci sono quelli bravi e quelli meno bravi, come in qualsiasi altro lavoro. Sul web si trovano molti siti di cartomanti referenziati come cartomanziaoggi.it, un sito che offre diversi servizi, oltre alla lettura dei tarocchi.

Le persone che si rivolgono ai cartomanti non hanno un profilo bene definito. si tratta di uomini e donne di qualsiasi ceto sociale e situazione economica. Alcuni lo fanno per “gioco”, altri per convinzione. Sono molte le persone che dopo il primo approccio, stabiliscono con il cartomante un rapporto duraturo e costante. L’Italia, in generale, anche se cerca di nasconderlo (perché mai?) si affida alla cartomanzia, non tanto per prevedere il futuro, ma per avere le indicazioni necessarie o i consigli per affrontare problemi nell’immediato. La paura, forse, non è tanto nel futuro, ma nello sbagliare a prendere una decisione che, in un periodo in cui tutto diventa sempre più difficile, può creare molti dubbi e incertezze. In questo caso, un consiglio non guasta mai. La cosa, come sempre, importante è quella di rivolgersi a persone serie e affidabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *