Perché la pelle dei bambini è così delicata?

I problemi dermatologici più comuni nei bambini

Un neonato appena arrivato porta con sé sicuramente tanta gioia e forti emozioni. E’ anche vero che comporta molte responsabilità ed una particolare attenzione, soprattutto per evitare l’insorgere di problemi di salute di ogni sorta.

Una delle difficoltà maggiori incontrate dai genitori sono legate ai problemi dermatologici che colpiscono così frequentemente i neonati. Tra le problematiche più comuni vi sono la dermatite da pannolino, le irritazioni localizzate e la dermatite atopica. A cosa è dovuto l’insorgere di questi problemi?

Perché si sviluppano?

I bambini piccoli differiscono sotto molti aspetti da noi adulti. La loro pelle non è un eccezione. Essa è molto più sottile della nostra e pertanto più sensibile agli agenti esterni. Tende a disidratarsi più facilmente. Essendo il bambino rimasto per nove mesi immerso nel liquido amniotico, la sua composizione chimica e fisiologica necessita di tempo per raggiungere lo stato della pelle di un adulto. Per svolgere il suo ruolo di “barriera” naturale, devono trascorre almeno i primi due anni di vita.

La facilità di irritazione è legata al minore spessore dello strato corneo, che gioca un ruolo fondamentale nel respingere le cause di irritazioni cutanee.

I bambini piccoli hanno anche un PH neutro. L’acidità naturale della pelle di un adulto serve ad eliminare la maggior parte dei microbi e dei batteri responsabili delle infezioni e delle irritazioni. Nei bimbi piccoli, questo strato acido si forma molto lentamente, ed ecco spiegato un altro motivo che sta alla base dei problemi dermatologici. Essendo inoltre le ghiandole responsabili della produzione di sebo e sudore poco sviluppate, il sistema di protezione della pelle risulta ancora troppo debole.

Come prevenire e curarli?

Come abbiamo compreso, esiste pertanto una predisposizione fisiologica all’insorgere di queste situazioni. Ciò non toglie che si può fare molto per evitarli e ridurli al massimo.

Lavare la pelle del bambino utilizzando solamente acqua non è la soluzione migliore. Facendo così andremo a disidratare ulteriormente la pelle. Sarà molto più indicato impiegare dei prodotti specifici per il derma dei più piccoli. Hipp è un’azienda specializzata nei prodotti biologici per l’infanzia, e possiamo trovare prodotti hipp in offerta anche nella linea per la cura della pelle del bebè.

Tra questi troveremo detergenti specifici con il giusto ph e che non risultino troppo aggressivi per la sua pelle delicata.

Parlavamo anche della dermatite da pannolino. Questa si viene a creare a causa del contatto della pelle con le feci e l’urina calde, che sono terreno fertile per la proliferazione dei batteri. In questa situazione vengono facilmente a crearsi delle vescicole e arrossamento. Oltre a lavare la parte con acqua tiepida dopo ogni cambio, sarà utile spalmare dei prodotti emollienti per risanare la zona e favorire lo sviluppo di un nuovo strato di epidermide.

Oltre ai detergenti ed agli emollienti, sono molto utili gli oli naturali, che mantengono la pelle sempre morbida ed impediranno la formazione di aree irritate o desquamate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *